In piena rivolta studentesca il cantautore genovese scrisse “LA BUONA NOVELLA”, la vita di un Gesù molto umano che prende spunto dai vangeli apocrifi, e ci viene raccontata dalla sofferenza degli altri. Ancora una volta De André ha fatto parlare i derelitti, i diseredati che nella vita e nella morte di quell’Uomo hanno trovato una speranza. Un concerto originale fatto di musiche, canti, balli, proiezioni e narrazioni che ripercorre, attraverso i racconti del tempo il Grande Mistero.

Meritati applausi a tutti i compenenti di Musica E... che hanno saputo trasmettere tutta la loro passione per la musica, il teatro e la danza.